Educazione Finanziaria - quellocheconta.it

Repubblica Italiana

Beta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

D

Agevolazione fiscale riconosciuta dallo Stato che consiste nella possibilità di sottrarre dal proprio reddito complessivo l’importo di alcune spese effettuate, entro determinati limiti, diminuendo così la tassazione IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche). I contributi versati a favore della previdenza complementare sono deducibili fino al limite di 5.164,57 euro all’anno. L’agevolazione vale anche se questi contributi sono versati a favore dei propri figli o familiari fiscalmente a carico.

Con l’espressione denaro contante si fa riferimento a monete e banconote. Pagando con monete e banconote l’acquirente si libera dall’obbligo di corrispondere al venditore il prezzo dei beni o servizi acquistati. Questa caratteristica si chiama “potere liberatorio” ed è attribuita dalla legge. Per questo motivo si parla di “moneta a corso legale” e nessuno la può rifiutare in pagamento.

Approfondisci lo strumento qui

Sono una tipologia di depositi bancari il cui rendimento, nel se e nel quanto, viene corrisposto secondo una formula che prende in considerazione:

  • un indice o una combinazione di indici;
  • uno strumento finanziario o una combinazione di strumenti finanziari;
  • una merce o combinazione di merci o di altri beni infungibili, materiali o immateriali;
  • un tasso di cambio o una combinazione di tassi di cambio.

Sono quindi assoggettati a parte della disciplina MiFID 2 con la dichiarata finalità di rafforzare la fiducia degli investitori e di rendere più uniforme il trattamento normativo riservato ai prodotti di investimento al dettaglio preassemblati (PRIIPS).

Il deposito a risparmio è una modalità di raccolta del risparmio da parte delle banche. Di norma è caratterizzato dall’esistenza del libretto di risparmio, un documento sul quale vengono registrate le operazioni.
In un deposito a risparmio la banca acquista la proprietà delle somme depositate dal cliente, impegnandosi a restituirle alla scadenza del termine pattuito (depositi vincolati), oppure su richiesta del cliente (depositi liberi); a fronte di questa disponibilità, le banche remunerano i clienti con un tasso d’interesse. Sui depositi liberi possono essere attivate anche operazioni di pagamento; a differenza dei conti correnti, i depositi a risparmio possono presentare unicamente saldo avere, ovvero un saldo positivo.

Approfondisci lo strumento qui

Sono strumenti di risparmio postale emessi da Cassa depositi e prestiti S.p.A. (CDP), garantiti dallo Stato italiano e disponibili in esclusiva da Poste italiane. Gli strumenti del risparmio postale sono di due tipologie: i Libretti postali, i Buoni fruttiferi postali.

Approfondisci lo strumento qui

Gli strumenti finanziari derivati sono contratti il cui valore dipende dall’andamento di un’attività sottostante (underlying asset in inglese). Le attività sottostanti possono avere natura finanziaria (come ad esempio i titoli azionari, i tassi di interesse e di cambio, gli indici) o reale (come ad esempio materie prime quali il caffè, il cacao, l’oro, il petrolio, ecc).

Approfondisci lo strumento qui.

Comunicazione che il contraente è tenuto a inviare all’impresa di assicurazione - o viceversa - entro un termine di preavviso fissato dal contratto, per evitare la proroga automatica del contratto di assicurazione, se prevista dalle condizioni di polizza.

Si riferisce all'acquisizione di più prodotti finanziari che generalmente mostrano andamenti tra loro differenti (tecnicamente si dice “non correlati”). Evitando di investire tutto il capitale in un unico prodotto (o in un’unica tipologia di prodotti con caratteristiche di rischio molto simili tra loro) si riduce il rischio del portafoglio considerato nel suo complesso.

La diversificazione del rischio si riferisce alla possibilità di ridurre la rischiosità di un investimento allocandolo in più attività, i cui rendimenti non sono perfettamente correlate. Ovvero, per diversificare il rischio, non si devono mettere tutte le uova in un solo paniere.

Il documento di sintesi - consegnato al cliente insieme al contratto di finanziamento - è un documento che consente al cliente una chiara evidenza delle più significative condizioni contrattuali ed economiche. Nel documento è riprodotto lo schema del foglio informativo relativo allo specifico tipo di operazione o servizio bancario, con opportuni adattamenti, riportando le condizioni economiche e le clausole contrattuali praticate al cliente.

E

È la conclusione di accordi di acquisto o di vendita di uno o più strumenti finanziari per conto dei clienti e comprende la conclusione di accordi per la vendita di strumenti finanziari emessi da un’impresa di investimento o da un ente creditizio al momento della loro emissione. Rientra tra i servizi/attività di investimento disciplinati nell’ambito della Direttiva 2014/65/UE - la c.d. MiFID2 (Market in Financial Instruments Directive).

Età anagrafica al raggiungimento della quale un lavoratore può andare in pensione, avendo maturato i requisiti previsti dalla legge.

Gli ETC sono strumenti finanziari negoziati in mercati regolamentati, appartenenti alla più ampia famiglia degli Exchange Traded Products (ETP), che offrono la possibilità di investire facilmente in singole materie prime e metalli preziosi.

Gli ETF sono fondi d’investimento che vengono negoziati in mercati regolamentari, appartenenti alla più ampia famiglia degli Exchange Traded Products (ETP), che replicano l’andamento di indice sottostante (ad es. il FTSE MIB).

Gli ETN sono strumenti finanziari (simili a obbligazioni senza cedola a lunghissima scadenza) negoziati in mercati regolamentati, appartenenti alla più ampia famiglia degli Exchange Traded Products (ETP), emessi a fronte dell’investimento diretto dell’emittente nel sottostante (diverso dalle commodities) o in contratti derivati sul medesimo.

Gli ETP sono una famiglia di prodotti finanziari negoziati su mercati regolamentati il cui obiettivo primario è replicare il rendimento di un indice di riferimento o di un determinato attivo sottostante. Le forme più conosciute sono gli ETF (Exchange Traded Funds), gli ETC (Exchange Traded Commodities) e gli ETN (Exchange Traded Notes).

L'Euribor (o EURo Inter Bank Offered Rate, tasso interbancario di offerta in euro) indica il tasso di interesse medio delle transazioni finanziarie in Euro tra le principali banche Europee.

L’Eurosistema è il sistema di banche centrali dell’area dell’euro responsabile dell’attuazione della politica monetaria unica. Esso comprende la Banca centrale europea (BCE) e le Banche centrali nazionali (BCN) dei paesi dell’Unione europea (UE) che hanno adottato l’euro. L’area dell’euro comprende diciannove paesi: Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna. L’Eurosistema e il SEBC (Sistema europeo delle banche centrali) sono retti dagli organi decisionali della BCE: il Consiglio direttivo e il Comitato esecutivo. Il Consiglio generale è istituito come terzo organo decisionale della BCE finché esisteranno Stati membri dell’UE che non hanno adottato l’euro. Il funzionamento di questi organi è regolato dal Trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

F

La fideiussione è l'atto con cui un soggetto, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l'adempimento dell'obbligazione assunta da un terzo.

È l’importo massimo di credito che la banca concede a un cliente. La sua concessione richiede accertamenti in merito alle fonti di reddito e alla consistenza patrimoniale del cliente al fine di valutare la capacità di rimborso del credito erogato, anche in ottica prospettica è detto generale se utilizzabile in qualsiasi momento e per ogni tipo di operazione, a seconda delle proprie esigenze. Il fido accordato è l’importo massimo di credito che la banca ha deciso di concedere al cliente. Il fido utilizzato è la parte del credito effettivamente utilizzata dal cliente.

Soggetto che, essendo abilitato a erogare finanziamenti a titolo professionale nel territorio nazionale, offre o stipula contratti di credito.

Si definisce finanziamento la cessione di una somma contro l’impegno di restituire successivamente la medesima somma (prestito gratuito) o una somma maggiore.

Insieme di dati in forma elettronica utilizzati come metodo di autenticazione informatica. Essa, a seconda del livello di sicurezza offerto agli utenti, può articolarsi in firma elettronica avanzata, firma elettronica qualificata, firma digitale.

I fogli informativi sono strumenti di pubblicità che vengono predisposti dagli intermediari bancari e finanziari e contengono una dettagliata informativa sulla banca/società finanziaria, sulle caratteristiche e sui rischi tipici dell’operazione o del servizio, sulle condizioni economiche, sulle principali clausole contrattuali. Le informazioni contenute devono consentire al cliente di comprendere il prodotto/servizio e di agevolare la comparazione delle offerte.

I fondi comuni sono strumenti di investimento, gestiti dalle società di gestione del risparmio (SGR) che riuniscono le somme di più risparmiatori e le investono, come un unico patrimonio, in attività finanziarie (azioni, obbligazioni, titoli di stato, ecc.) o, per alcuni di essi, in immobili, rispettando regole volte a ridurre i rischi. Sono suddivisi in tante parti unitarie, dette quote, che vengono sottoscritte dai risparmiatori e garantiscono uguali diritti. Ne esistono di diverse tipologie. Una delle distinzioni più importanti è tra “fondi aperti” (che consentono di sottoscrivere quote, o chiederne il rimborso, in qualsiasi momento; questi fondi investono normalmente in attività finanziarie quotate) e “fondi chiusi” (che consentono di sottoscrivere quote solo nel periodo di offerta, che si svolge prima di iniziare l’operatività vera e propria, e le rimborsano di norma solo alla scadenza del fondo; ai fondi chiusi sono riservati investimenti poco liquidi e di lungo periodo quali, ad es., immobili, crediti, società non quotate).

Approfondisci lo strumento qui

Fondi pensione per i quali l’importo della pensione complementare dipende dai contributi versati e dai risultati della gestione finanziaria del fondo.

Fondi pensione per i quali l’importo della pensione complementare viene stabilito al momento dell’adesione, di norma, con riferimento a quello della pensione obbligatoria. Per garantire l’erogazione della pensione nella misura stabilita, l’importo dei contributi da versare al fondo pensione durante il periodo lavorativo non è fisso, ma può variare nel tempo.

FONDINPS è un fondo pensione appositamente costituito presso l'INPS per raccogliere il TFR futuro dei lavoratori dipendenti iscritti alla previdenza complementare mediante adesione tacita.

Il fondo garanzia per i mutui per la prima casa, istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, è lo strumento con cui lo Stato, per favorire l’accesso al credito delle famiglie, concede una garanzia per la sottoscrizione di un mutuo ipotecario finalizzato all’acquisto (ovvero per l’acquisto e per interventi di ristrutturazione e accrescimento di efficienza energetica) di unità immobiliari da adibire ad abitazione principale. La garanzia è concessa nella misura del 50 per cento della quota capitale.

Approfondisci lo strumento qui

Sistemi di garanzia dei depositanti costituiti in forma di consorzio di diritto privato, e riconosciuti dalla Banca d’Italia aventi lo scopo di garantire i depositanti delle consorziate entro limiti previsti (euro 100.000). Al Fondo interbancario di tutela dei depositi aderiscono le banche italiane diverse da quelle di credito cooperativo; al Fondo di garanzia dei depositanti del credito cooperativo aderiscono le banche di credito cooperativo.

Il fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa, istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, consente di beneficiare della sospensione fino a 18 mesi del pagamento dell’intera rata del mutuo ipotecario in casi di temporanea difficoltà economica del mutuatario. Per il periodo di sospensione, il Fondo si fa carico della quota interessi (al netto dello spread).

Approfondisci lo strumento qui

Il furto di identità è un crimine che consiste nell’appropriarsi e/o utilizzare dati identificativi di un’altra persona in maniera indebita o fraudolenta, al fine di accedere a risorse, ottenere crediti o altri benefici, spendendo il nome altrui.
Per difendersi dai “ladri di identità” è necessario proteggere i propri dati personali, anche se archiviati sui dispositivi digitali, diffidare di e-mail e comunicazioni che richiedano di fornire tali informazioni scegliere con molta attenzione i siti sui quali si effettuano transazioni e consultare regolarmente i propri estratti conto.

G

Copertura del rischio che viene individuato in una polizza assicurativa.

Le garanzie rafforzano la posizione del creditore circa l’adempimento della prestazione da parte del debitore. Molti rapporti contrattuali con le banche possono essere accompagnati dal rilascio di garanzie che vengono definite attive quando la banca le riceve e passive quando è la banca a rilasciarle a favore dei clienti. Per quanto riguarda le garanzie attive si distingue fra garanzie personali che attengono alla generale capacità patrimoniale di chi le ha prestate, debitore o altra persona e non sono quindi costituite su uno specifico bene ovvero garanzie reali. Per queste ultime la riscossione del credito è garantita da un bene mobile (in questo caso si parla di pegno) o da un bene immobile o mobile registrato (e allora si parla di ipoteca). Le garanzie reali danno al creditore il diritto di soddisfare il proprio credito con precedenza (prelazione) rispetto a coloro che ne sono sprovvisti.

Riguarda la gestione, su base discrezionale e individualizzata, di portafogli di investimento nell’ambito di un mandato conferito dai clienti, qualora tali portafogli includano uno o più strumenti finanziari. Rientra tra i servizi/attività di investimento disciplinati nell’ambito della Direttiva 2014/65/UE - la c.d. MiFID2 (Market in Financial Instruments Directive).

Particolare gestione finanziaria, separata rispetto al complesso delle attività della compagnia, nella quale vengono investiti i premi versati dal contraente di una polizza rivalutabile, al netto dei costi.

I

In generale, l'indennizzo è una prestazione patrimoniale che vale a compensare un soggetto a seguito di un pregiudizio patito, ovvero del sacrificio di un diritto. Nelle assicurazioni, è la somma dovuta dall'impresa di assicurazione all'assicurato di una polizza danni o al beneficiario di una polizza vita in caso di sinistro.

Nelle economie di mercato i prezzi di beni e servizi possono subire variazioni in qualsiasi momento: alcuni aumentano, altri diminuiscono. Si parla di inflazione quando si registra un rincaro significativo, che non si limita a singole voci di spesa (si parla infatti di un aumento "generalizzato" del livello dei prezzi).

Quando si calcola l'incremento medio dei prezzi si attribuisce un peso maggiore alle variazioni relative a beni e servizi per i quali i consumatori spendono di più (ad esempio, beni alimentari, energia) rispetto a voci di spesa meno significative.

Tutti i beni e servizi consumati dalle famiglie nel corso dell'anno sono rappresentati dal cosiddetto "paniere". Ciascuna voce di spesa contenuta nel paniere ha un prezzo, che può variare nel tempo. Il tasso di inflazione sui 12 mesi corrisponde al prezzo del paniere totale in un determinato mese rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

L'INPS, Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, è l'ente previdenziale italiano che gestisce i contributi previdenziali obbligatori versati dai lavoratori dipendenti e dalla maggior parte dei lavoratori autonomi. Eroga le pensioni obbligatorie e le prestazioni di natura assistenziale e di sostegno al reddito.

In termini di finanza personale l’investimento finanziario è la quota di risparmio monetario che viene impiegata per l'acquisto di strumenti e prodotti finanziari che consentono di mantenere o accrescere la propria ricchezza nel tempo per futuri utilizzi. Nella definizione d’investimento rientrano anche la sottoscrizione di contratti di previdenza complementare o la sottoscrizione di prodotti di investimento assicurativi a contenuto finanziario. Investire richiede dimestichezza con alcuni concetti di base - quali ad es. l’inflazione (ossia l’aumento "generalizzato" del livello dei prezzi), la relazione rischio-rendimento (relazione in base alla quale all’aumentare del rischio o incertezza legata al valore futuro di uno strumento finanziario anche il rendimento ad esso collegato aumenta), il tasso di interesse composto (se una somma di denaro è impiegata per più periodi, gli interessi vengono calcolati alla fine di ciascuno di essi e vengono calcolati anche sugli interessi maturati nel periodo precedente che sono sommati al capitale) o, quantomeno, consapevolezza circa l’importanza di comprendere le proprie esigenze finanziarie e affidarsi a soggetti professionali e autorizzati se richiesto (gli Orientamenti ESMA/2015/1886 del 22 marzo 2016 stabiliscono rigidi requisiti di competenza ed esperienza del personale degli intermediari finanziari addetto alla prestazione di consulenza in materia di investimenti e alla fornitura ai clienti di informazioni riguardanti strumenti finanziari e servizi di investimento).

 

Esistono diversi tipi di strumenti finanziari acquistabili sui mercati finanziari (es. azioni, obbligazioni, fondi comuni, prodotti di investimento assicurativi) e di servizi di investimento offerti da intermediari autorizzati che possono rispondere agli obiettivi di investimento del singolo investitore, sulla base delle proprie aspettative di rendimento e propensione al rischio.

Codice utilizzato per identificare in maniera univoca, a livello internazionale, il conto di un cliente presso un intermediario finanziario. I codici International bank account number (IBAN) italiani sono formati da 27 caratteri e iniziano con IT.

L’ISC è una sintetica misura del costo totale di un finanziamento (interessi più spese e oneri accessori). Deve essere calcolato con modalità analoghe a quelle previste per il Tasso annuale effettivo globale (TAEG).

Nella previdenza complementare, è il nome di un documento informativo che viene consegnato ai potenziali aderenti prima dell’adesione in cui vengono illustrate in modo semplice e sintetico le principali caratteristiche della forma pensionistica. Include la Scheda dei costi, in cui vengono rappresentati tutti i costi a carico dell’aderente durante la fase di adesione. Nella Scheda dei costi è pure riportato l’ISC (Indicatore Sintetico di Costo), un numero percentuale che fornisce un’indicazione immediata dell’incidenza, sulla posizione individuale maturata, dei costi sostenuti dall’aderente per tutto il periodo di adesione. Tutte queste informazioni sono rappresentate secondo uno schema predisposto dalla COVIP , l’Autorità che vigila sui fondi pensione. Sul sito dell’Autorità sono pubblicati, l’elenco degli ISC di tutte le forme pensionistiche e il Comparatore dei costi , uno strumento interattivo che permette il confronto della diversa onerosità delle forme.

Quando una somma di denaro viene impiegata per più periodi, gli interessi vengono calcolati alla fine di ciascuno di essi. Gli interessi già maturati vengono sommati al capitale e l’importo complessivo rappresenta la base, cioè il nuovo capitale, per calcolare i nuovi interessi, quelli del periodo successivo. Si dice infatti che vengono capitalizzati. Il meccanismo si ripete per i periodi successivi. Per questo lo si definisce "interesse composto".

Somma dovuta come compenso per la disponibilità di un importo di denaro maturata in un determinato periodo.

Diritto reale di garanzia su un determinato bene, generalmente un immobile.

I certificates sono strumenti finanziari derivati cartolarizzati, negoziati in mercati regolamentati, che replicano l’andamento dell’attività sottostante.

IVASS, Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni opera per garantire l’adeguata protezione degli assicurati perseguendo la sana e prudente gestione delle imprese di assicurazione e riassicurazione e la trasparenza e correttezza nei confronti della clientela. L’Istituto persegue altresì la stabilità del sistema e dei mercati finanziari. Al fine di garantire gli obiettivi istituzionali, l’IVASS esercita una supervisione sui soggetti vigilati effettuando controlli patrimoniali, finanziari e tecnici, sul governo societario e sugli assetti proprietari. L’IVASS vigila sulla correttezza dei comportamenti delle imprese nei confronti del consumatore e sulla trasparenza dei prodotti assicurativi. Stabilisce le regole di comportamento che le imprese e gli intermediari sono tenuti a osservare nell’offerta e nell’esecuzione dei contratti e ne verifica l’adempimento. Accerta le condotte illecite da parte dei soggetti vigilati e applica sanzioni amministrative-pecuniarie e disciplinari. L’IVASS fa parte del Sistema europeo di vigilanza finanziaria (SEVIF) nell’ambito del quale collabora alla convergenza delle procedure di vigilanza, coopera con l’EIOPA (The European Insurance and Occupational Pensions Authority), l’ESRB (European Systemic Risk Board) e le Autorità di vigilanza degli altri Stati membri. L’Istituto partecipa anche alla IAIS (International Association of Insurance Supervisors) e contribuisce alla predisposizione della normativa europea presso il Consiglio o la Commissione.

Con tale espressione si indica la facoltà prevista in alcuni contratti a favore di un soggetto (cosiddetto soggetto attivo) di poter modificare alcune condizioni contrattuali anche dopo la conclusione del contratto, ossia durante la sua esecuzione.
La modifica in questo caso anche se operata in modo unilaterale da parte del solo soggetto attivo ha comunque effetto nei confronti di tutti gli altri contraenti senza che sia necessario un nuovo accordo tra le parti del contratto. Al fine di tutelare la posizione dei contraenti che “subiscono” la modifica delle condizioni contrattuali la legge stabilisce limiti e condizioni all’esercizio dello ius variandi. Nel caso di operazioni e servizi bancari e finanziari la clausola che attribuisce all’intermediario il potere di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali deve essere approvata specificamente dal cliente all’atto della sottoscrizione del contratto. La mancata approvazione della clausola non determina però la nullità dell’intero contratto.

K

È una parola di origine giapponese che significa letteralmente “libro dei conti di casa”, ovvero una specie di agenda in cui registrare entrate e uscite. È un metodo che può aiutare a ordinare, classificare e controllare le spese quotidiane in modo semplice e sistematico.

Con l’entrata in vigore, a partire dal 1° gennaio 2018, del Regolamento europeo in materia di PRIIPs (“Packaged Retail and Insurance-based Investment Products”) relativo ai prodotti d’investimento al dettaglio e assicurativi pre-assemblati, le informazioni fondamentali riguardanti tali prodotti sono tutte contenute all’interno del KID, un documento informativo sintetico e standardizzato predisposto dall’emittente/produttore con l’obiettivo di raffigurare le caratteristiche del prodotto in modalità facilmente fruibile e comprensibile per l’investitore. L’obiettivo è quello di garantire la comparabilità tra i diversi prodotti e aumentare il grado di trasparenza delle informazioni riguardanti tali strumenti.

È il documento contenente le informazioni fondamentali per gli investitori (standardizzate a livello europeo) in caso di sottoscrizione di fondi comuni di investimento aperti. Il KIID, che deve essere consegnato obbligatoriamente all’investitore, è redatto in modo chiaro e comprensibile e fornisce agli investitori al dettaglio, solitamente in due pagine (tre per i fondi strutturati), le informazioni essenziali per assumere decisioni di investimento consapevoli (quali, tra le altre, l’obiettivo e la politica di investimenti del fondo, le spese e i risultati passati).

L

È il documento informativo che contiene una stima della rendita complementare attesa al momento del pensionamento, calcolata sulla base dei contributi versati sulla posizione individuale e di alcuni parametri stabiliti dalla COVIP, l'Autorità di vigilanza sui fondi pensione, e in conformità alle Istruzioni dalla stessa fornite.

I libretti postali sono una forma di deposito a risparmio pensata per la gestione del denaro. Sono disponibili diverse tipologie di libretti con funzionalità differenti per soddisfare le diverse esigenze dei risparmiatori.

Approfondisci lo strumento qui.

Cfr. Valuta virtuale.

M

Somma massima pattuita che l'impresa di assicurazione è tenuta a pagare in caso di sinistro. Se i danni provocati o subiti sono superiori a tale somma, la differenza resta a carico dell'assicurato. Per la r.c. auto, i limiti al di sotto dei quali le imprese non possono scendere sono fissati dalla legge.

Ordine di incasso di crediti in base al quale la banca del creditore (banca assuntrice) provvede all'invio di un avviso al debitore, che può effettuare il pagamento presso qualunque sportello bancario (banca esattrice) e, in alcuni casi, presso gli uffici postali.

È il mercato dove vengono offerti gli strumenti finanziari di nuova emissione.

È il mercato dove vengono negoziati i titoli già in circolazione.

Il merito creditizio rappresenta l'affidabilità di un soggetto dal punto di vista economico e finanziario. Una valutazione che viene effettuata da chi eroga il credito per valutare il rischio di solvenza.

Capacità di un cliente di rimborsare un finanziamento. L’intermediario è tenuto a svolgere una valutazione approfondita del merito di credito prima di concludere un contratto di finanziamento o di vincolarsi con un’offerta. Tale valutazione è effettuata sulla base di informazioni utili a valutare la situazione economica complessiva del cliente. Le informazioni sono fornite dal cliente stesso e reperite attraverso la consultazione di base dati, come la Centrale dei Rischi o quelle gestite da SIC. Se dalle informazioni negative eventualmente presenti in una base dati deriva il rifiuto di una concessione di credito i consumatori hanno diritto di esserne informati gratuitamente.

E' un metodo di calcolo della pensione che si basa sui contributi versati nel corso dell'intera vita lavorativa, rivalutati annualmente con un coefficiente di capitalizzazione, e sull'età al momento del pensionamento.

E un metodo di calcolo della pensione che si basa sull'anzianità contributiva maturata e sulla media delle retribuzioni percepite negli ultimi anni di vita lavorativa.

E’ la normativa europea che disciplina i servizi e le attività di investimento, entrata in vigore il 3 gennaio 2018 (in sostituzione della c.d. MiFID 1, di cui riprende principi e finalità). L’obiettivo del sistema di norme è quello dello sviluppo di un mercato unico dei servizi finanziari in Europa, nel quale siano assicurate la trasparenza e la protezione degli investitori. Sono previste varie disposizioni che, in quanto ispirate al dovere di agire nel miglior interesse del cliente da parte dell’intermediario finanziario, mirano a garantire una corretta informazione per gli investitori, si occupano dei potenziali conflitti di interesse tra le parti e richiedono un’adeguata profilatura dell’investitore

Valore monetario memorizzato elettronicamente, ivi inclusa la memorizzazione magnetica, rappresentato da un credito nei confronti dell'emittente che sia emesso, dietro ricevimento di fondi, per effettuare operazioni di pagamento e che sia accettato da persone fisiche o giuridiche diverse dall'emittente. Per la moneta elettronica è previsto il riconoscimento al detentore del diritto al rimborso della parte di essa non utilizzata. Il rimborso deve essere effettuato al valore nominale in moneta legale ovvero mediante versamento su un conto bancario, senza applicazione di ulteriori oneri e spese, fatta eccezione per quelli strettamente necessari per l’effettuazione dell’operazione.

Cfr. Valuta virtuale.

MOT si riferisce al Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato. E’ organizzato e gestito dalla Borsa italiana ed è il mercato dove vengono negoziati i titoli di Stato, le obbligazioni non convertibili, euro-obbligazioni, obbligazioni di emittenti esteri, ed altri titoli di debito.

Il mutuo ipotecario è la principale forma di finanziamento a medio-lungo termine concesso dalle banche e altri intermediari finanziari per finanziare l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di un immobile. Viene anche concesso per sostituire o rifinanziare mutui già ottenuti per le stesse finalità. Ha una durata di solito compresa tra i 5 ed i 30 anni, ma in alcuni casi può essere prevista una durata superiore. A scadenze determinate (secondo il piano di ammortamento) il debitore paga una rata comprensiva di una quota per la restituzione del capitale e una per il pagamento degli interessi. Si definisce ipotecario poiché il rimborso nei confronti della banca è garantito da un’ipoteca sull’immobile: per cui, in caso di mancato pagamento da parte del debitore, l’istituto può rivalersi sull’immobile dato a garanzia.

Approfondisci lo strumento qui

N

È definita come la contrattazione ai fini della conclusione di operazioni riguardanti uno o più strumenti finanziari nelle quali il negoziatore impegna capitale proprio. Rientra tra i servizi/attività di investimento disciplinati nell'ambito della Direttiva 2014/65/UE - la c.d. MiFID2 (Market in Financial Instruments Directive).

La nota di sintesi costituisce una parte del prospetto, nell’ambito della quale sono rappresentate, con linguaggio non tecnico, le informazioni chiave relative ad un investimento che viene proposto. La nota di sintesi viene redatta secondo un formato comune per agevolare la comparazione tra diversi prodotti finanziari.

O

Un'obbligazione è un titolo di credito che rappresenta una frazione di un'operazione di finanziamento. Il sottoscrittore o il possessore dell'obbligazione diventa creditore della società emittente la quale è obbligata a rimborsare il capitale investito a scadenza. Esistono moltissimi tipi di obbligazioni. Una prima, grande, classificazione distingue fra: obbligazioni ordinarie, dette anche plain vanilla; e obbligazioni strutturate. Le obbligazioni ordinarie possono suddividersi, a loro volta, in due categorie: - a tasso fisso, che attribuiscono all'investitore interessi in misura predeterminata; - a tasso variabile, il cui interesse non è predeterminato, ma variabile in relazione ai tassi di mercato.

Approfondisci lo strumento qui.

Obbligazione con caratteristiche tradizionali/standard senza componenti derivative.

È un titolo costituito da un'obbligazione ed una o più componenti definite derivative, solitamente di tipo opzionale. La parte obbligazionaria determina il rimborso del capitale a scadenza (per l'intero valore nominale) più eventuali cedole periodiche, mentre la componente derivata definisce la variabilità del rendimento.

Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari.

Operazione di natura finanziaria effettuata presso un intermediario che, per connotazioni oggettive (caratteristiche, entità, natura) e in relazione alla posizione soggettiva del cliente (capacità economica e attività svolta), induce a ritenere che le somme utilizzate possano essere di provenienza illecita.

È un contratto che assicura il pagamento di un importo predeterminato se l'evento (per esempio, raggiungimento di un determinato livello del prezzo di un'azione o del rapporto di cambio fra due valute) si verifica entro una predeterminata scadenza temporale, spesso di brevissima durata (un’ora o, addirittura, un minuto). Se l'evento non si verifica si perde tutta la somma investita. Tale strumento presenta una struttura (e quindi rischi) simili a quella di una scommessa.

Approfondisci lo strumento qui

P

È una modalità di sottoscrizione di fondi comuni di investimento che prevede la possibilità di investire una somma costante attraverso dei versamenti periodici per la durata concordata.

E' la pensione erogata dai fondi pensione che integra quella obbligatoria, ma non la sostituisce. La pensione complementare può essere richiesta una volta raggiunta l'età pensionabile, con almeno cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari.

E' la pensione erogata dall'INPS e dalle Casse professionali.

E’ un tentativo di frode che si realizza principalmente attraverso messaggi di posta elettronica/SMS ingannevoli.

Il messaggio solitamente invita il titolare a fornire i dati riservati della propria carta o di accesso al servizio di home banking attraverso un link che rimanda solo apparentemente al sito web dell'istituto di credito o del servizio a cui si è registrati di cui in realtà si mostra solo una copia apparentemente identica ma gestita dai frodatori.

I PIR, introdotti in Italia dalla Legge di bilancio 2017, sono dei contenitori “fiscali” che possono assumere varie forme (fondi comuni, polizze Vita, gestioni patrimoniali) e detenere diverse forme di prodotti finanziari (azioni, obbligazioni, ETF, depositi e conti correnti) a condizione che vengano rispettate, nella composizione dei portafogli, le limitazioni previste dalla legge. Obiettivo dei PIR è quello di indirizzare il risparmio verso le piccole e medie imprese italiane con il risultato di stimolare l’economia nazionale. Lo schema ricalca quello già collaudato in altri paesi, come Francia (con i Plan d’Epargne en Actions (PEA)) e nel Regno Unito (con gli Individual Savings Accounts (ISAs)).
Approfondisci lo strumento qui

È l’acronimo per i "prodotti d’investimento al dettaglio e assicurativi preassemblati". Rientrano in tale definizione tutti i prodotti, indipendentemente dalla loro forma o struttura, ideati dall’industria dei servizi finanziari per offrire opportunità di investimento agli investitori al dettaglio e per i quali il rendimento per l’investitore è soggetto a fluttuazioni a causa dell’esposizione ai valori di riferimento o soggetti all’andamento di una o più attività che non sono acquistate direttamente dall’investitore al dettaglio. Il Regolamento (UE) n. 1286/2014 (noto come Regolamento PRIIPS) ha introdotto l’obbligo di redazione di un documento contenente le cosiddette cc.dd. " informazioni chiave del prodotto " (Key Information Document o “"KID"”) a partire dal 1° gennaio 2018.

Documento contrattuale che prova e disciplina i rapporti tra impresa di assicurazione, contraente e assicurato. È costituito dal Modulo di polizza ed eventuali relative appendici; nei contratti r.c. auto è corredata del Certificato e della Carta Verde.

È il diritto a ottenere il trasferimento su un altro conto di pagamento presso un altro operatore di tutti o alcuni servizi di pagamento, e anche del saldo positivo presente sul proprio conto.

Nella previdenza complementare, è il conto personale nel quale confluiscono i contributi versati e i rendimenti ottenuti con la gestione finanziaria del fondo pensione.

Prezzo che il contraente paga per acquistare la garanzia offerta dall’impresa di assicurazione. Il pagamento del premio costituisce, di regola, condizione di efficacia della garanzia stessa.

Il Prestatore di servizi di pagamento (PSP) è un soggetto accreditato a fornire servizi e strumenti di pagamento a cittadini e imprese. Sono PSP tutti i soggetti autorizzati a offrire un conto di pagamento, quali banche, Poste Italiane (Bancoposta), istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica.

Il prestito personale è un tipo di finanziamento che rientra nella categoria del credito ai consumatori non finalizzato, erogato per soddisfare generiche esigenze di liquidità. Sono quindi escluse da questo tipo di finanziamento tutte le esigenze che riguardano le attività professionali. Il finanziatore versa la somma al consumatore in un’unica soluzione e il consumatore la restituisce a rate.
Approfondisci lo strumento qui

Un prodotto di investimento assicurativo (c.d. IBIP - insurance based investment product) è definibile come un prodotto assicurativo che presenta una scadenza o un valore di riscatto e in cui tale scadenza o valore di riscatto è esposto in tutto o in parte, in modo diretto o indiretto, alle fluttuazioni di mercato.

È il documento che contiene le informazioni riguardanti le caratteristiche del prodotto, dell’emittente o del gestore ( nel caso dei fondi ) nonché i relativi rischi, da redigere sulla base delle indicazioni fornite dalla relativa disciplina a livello europeo. Nel caso di un’offerta al pubblico e/o ammissione alle negoziazioni di uno strumento finanziario su un mercato regolamentato, è necessario pubblicare un prospetto, affinché il potenziale investitore sia messo nelle condizioni di assumere scelte di investimento consapevoli.

Il protesto è un atto pubblico con il quale viene accertato in modo formale da parte di un notaio o di un ufficiale giudiziario il mancato pagamento di un assegno o di una cambiale. Il protesto è importante perché consente a chi ha presentato il titolo e non abbia ricevuto il pagamento di potere agire per via giudiziaria per ottenere la somma dovuta contro l'emittente, il beneficiario indicato sul titolo, coloro che abbiano fatto circolare l'assegno mediante girata (azione di regresso), nonché nei confronti dei soggetti che hanno garantito il pagamento dell'assegno (avallo). Il protesto deve essere tempestivo; per l’assegno l'atto di protesto presuppone che sia stato presentato per il pagamento entro il termine utile. Gli effetti del protesto, inoltre, prevedono la pubblicazione nel Registro informatico dei protesti, curato dai Presidenti delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, e la comunicazione al Prefetto competente per territorio.

Q

Ricevuta di pagamento ad esempio del premio o dell'indennizzo di una assicurazione.

R

Quando i contributi versati per i lavoratori attivi vengono accantonati in conti individuali e investiti nei mercati finanziari da gestori specializzati al fine di produrre dei rendimenti di gestione. L’ammontare accumulato da ciascun individuo costituisce la base per il successivo pagamento della prestazione pensionistica.

Quando i contributi previdenziali versati nell’anno solare di riferimento per i lavoratori attivi sono utilizzati per finanziare il pagamento delle prestazioni pensionistiche di chi è già in pensione. In questo regime non c’è un’accumulazione di risorse in conti individuali.

Ordine di incasso disposto dal creditore alla propria banca (banca assuntrice) e da quest’ultima trasmesso, attraverso una apposita procedura interbancaria su Rete nazionale interbancaria, alla banca domiciliataria, la quale provvede a inviare un avviso di pagamento al debitore.

Cfr. Valuta virtuale.

È la somma corrisposta dall’impresa di assicurazione alla vittima del sinistro (danneggiato).

In ambito finanziario il rischio è rappresentato dall’incertezza legata al valore futuro di un’attività o di uno strumento finanziario o, più in generale, di un qualsiasi investimento.

Probabilità che si verifichi il fatto dannoso coperto da garanzia, cioè il sinistro.

Il rischio che l’emittente non paghi le cedole e/o rimborsi il capitale, perché è in grosse difficoltà o perché è fallito.
Indicatori molto frequenti del rischio di credito sono:

  • la probabilità attesa di fallimento dell’emittente (cosiddetto default);
  • la valutazione delle agenzie di rating, tipicamente espressa in lettere (cosiddetto rating).

Se sale la probabilità attesa di fallimento (default) sale il rischio di credito.
Se il rating scende sale il rischio di credito.

Il rischio di non riuscire a disinvestire rapidamente il titolo acquistato, qualora se ne presenti la necessità, ovvero di farlo perdendo molto rispetto alla somma investita.
Indicatori molto frequenti del rischio di liquidità fanno riferimento al numero e alla frequenza degli scambi (cosiddetto turn-over) realizzati sul titolo.
Tipicamente, quanto maggiori sono gli scambi (turn-over) tanto minore è il rischio di liquidità.

E’ il rischio relativo agli effetti provocati dalla variazione di una o più condizioni di mercato sul valore di uno strumento finanziario o di un portafoglio di strumenti finanziari (o, più in generale, di attività e passività finanziarie). Le variabili che influenzano l’andamento dei mercati possono essere diverse e corrispondere a specifiche sottocategorie del rischio di mercato, quali ad esempio il rischio di tasso di interesse (dovuto a variazioni dei tassi di interesse); il rischio di cambio (dovuto a variazioni dei tassi di cambio tra le valute di riferimento); il rischio di posizioni in merci (legato alle variazioni nei prezzi delle merci, soprattutto metalli preziosi e prodotti energetici); il rischio azionario (dovuto alla variabilità dei corsi azionari).

In termini di finanza personale il risparmio monetario è la quota del reddito (da lavoro o da capitale investito) che non viene spesa nel periodo in cui il reddito è percepito, ma viene accantonata per essere usufruita in un momento futuro. Risparmiare è dunque rinunciare ad un consumo presente, in vista di un maggiore consumo futuro (perché il risparmio, se investito, può produrre un rendimento) o, ad esempio, per far fronte a spese impreviste o per trovarsi preparati ad affrontare eventi programmati della propria vita. Al fine di individuare e/o mantenere il livello di risparmio più adeguato alle proprie esigenze è utile familiarizzare con il processo di pianificazione finanziaria, che significa analizzare i propri bisogni presenti e futuri e le proprie aspettative e, sulla base di questi, monitorare le entrate e le spese quale passaggio necessario per la formulazione di obiettivi di spesa, risparmio e investimento. Il concetto di risparmio è legato a quello di investimento, con il quale viene spesso accomunato e, a volte erroneamente, usato come sinonimo.

Il Risparmio postale è rappresentato dai prodotti finanziari emessi da Cassa depositi e prestiti S.p.A. con il fine di finanziare lo sviluppo del paese attraverso la costruzione di scuole, ospedali, strade e altre infrastrutture strategiche.
Tutti i prodotti del Risparmio postale sono garantiti dallo Stato italiano e collocati in esclusiva da Poste italiane, attraverso la rete degli uffici postali diffusi in tutto il territorio nazionale.
I prodotti del Risparmio postale sono di due tipologie: i Libretti postali e i Buoni fruttiferi postali.

Approfondisci lo strumento qui.

Sono strumenti finanziari derivati, la cui caratteristica principale - oltre a quella di avere ad oggetto esclusivamente valute - consiste nel fatto che l’investitore può mantenere aperta la propria posizione grazie ad un meccanismo, chiamato roll-over, mediante il quale le operazioni chiuse al termine della giornata vengono automaticamente riaperte nella giornata successiva.

Approfondisci lo strumento qui.

S

Utilizzo da parte del consumatore di fondi concessi dal finanziatore in eccedenza rispetto al saldo del conto corrente in assenza di apertura di credito ovvero rispetto all’importo dell’apertura di credito concessa.

La Single European Payment Area (SEPA), ovvero Area unica dei pagamenti in euro, è l’area in cui il cittadino, l’impresa, la Pubblica amministrazione e ogni altro operatore economico possono effettuare e ricevere pagamenti in euro secondo regole, procedure operative e prassi di mercato uniformi.

Servizi offerti, anche gratuitamente, insieme a un servizio principale, su base obbligatoria o facoltativa, anche se non strettamente connessi con esso (ad esempio, contratti di assicurazione, convenzioni con soggetti esterni).

Verificarsi dell’evento per il quale è prevista la prestazione della compagnia assicurativa, a garanzia del rischio assicurato.

Il sistema previdenziale italiano, come dice il nome, si riferisce alla previdenza e si compone di tre pilastri: il primo è costituito dalla previdenza obbligatoria, il secondo dalla previdenza complementare ad adesione collettiva e il terzo dalla previdenza complementare individuale.

Strumento attraverso il quale, tramite piattaforme online, una pluralità di soggetti può richiedere a una pluralità di potenziali finanziatori fondi rimborsabili per uso personale o per finanziare un progetto. E’ quindi un modo di prendere a prestito e prestare.

Si riferisce a crediti la cui totale riscossione non è certa (per le banche e gli intermediari finanziari che hanno erogato il finanziamento) poiché i soggetti debitori si trovano in stato d’insolvenza (anche non accertato giudizialmente) o in situazioni sostanzialmente equiparabili.

Esprime il numero medio degli anni che ci si può attendere di vivere. La sperana di vita al momento del pensionamento è uno dei parametri da cui dipende l'importo della pensione, calcolata con il metodo contributivo.

In linguaggio finanziario indica semplicemente una differenza tra tassi di interesse. Lo spread probabilmente più noto è la differenza tra il tasso di rendimento del BTP (Buoni del tesoro poliennali) a 10 anni italiano e quello dell’equivalente titolo di Stato tedesco (Bund) a 10 anni. Lo spread viene considerato come una misura dell’affidabilità creditizia di un emittente.
Va fatto presente che il termine spread si utilizza in vari altri casi in ambito finanziario: ad esempio la parte fissa che si aggiunge al tasso Euribor a 6 mesi per formare la remunerazione del CCTeu (Certificati di credito del Tesoro indicizzati all’Euribor) è detta appunto spread, così come lo spread è citato nei mutui a tasso fisso (tasso IRS più spread), oppure ancora quando si fa riferimento alla differenza tra il prezzo di acquisto e di vendita di un titolo praticato da un intermediario finanziario ( differenza denaro - lettera, in inglese bid-ask spread).

T

Il TAEG è un indice armonizzato a livello comunitario che nelle operazioni di credito al consumo rappresenta il costo totale del credito a carico del consumatore, comprensivo degli interessi e di tutti gli altri oneri da sostenere per l’utilizzazione del credito stesso. Il TAEG è espresso in percentuale del credito concesso e su base annua. Deve essere indicato nella documentazione contrattuale e nei messaggi pubblicitari o nelle offerte comunque formulate.

Il TAN indica il tasso d’interesse (ossia il prezzo), in percentuale e su base annua, richiesto da un creditore sull’erogazione di un finanziamento. A differenza del TAEG non esprime il “costo complessivo” del finanziamento che può essere anche molto più alto (ad esempio, per spese, oneri e commissioni accessorie). Pertanto un prestito con TAN pari a zero potrebbe avere un TAEG maggiore di zero.

Il TEGM indica il valore medio del tasso effettivamente applicato dal sistema bancario e finanziario a categorie omogenee di operazioni creditizie (ad esempio crediti personali o mutui) nel secondo trimestre precedente. Ai sensi della legge il TEGM tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate all’erogazione del credito. I tassi rilevati sono pubblicati trimestralmente in Gazzetta ufficiale e sono il parametro di riferimento per determinare la soglia di usura.

Il tasso di interesse è il costo del denaro. E’ espresso in percentuale ed è determinato dalla domanda e dalla offerta di moneta.

Cfr. Usura.

È un numero percentuale che esprime il rapporto fra la prima rata di pensione riscossa e l’ultima retribuzione percepita.

Anche conosciuto come “liquidazione”, il Trattamento di fine rapporto TFR è una somma di denaro corrisposta al lavoratore dipendente al momento in cui termina il rapporto di lavoro. Si calcola sommando per ciascun anno di lavoro una quota pari alla retribuzione divisa per 13,5. La somma accantonata viene rivalutata ogni anno a un tasso che ha una parte in misura fissa (1,5 per cento) e una parte variabile legata all’inflazione.

Obbligazioni emesse regolarmente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, attraverso il Dipartimento del Tesoro, per finanziare il fabbisogno dello Stato e tali da rappresentare una forma di investimento per i cittadini; esistono diverse tipologie di Titoli di Stato: BOT , BTP, BTP €i, CTZ) e CCTeu.
Approfondisci lo strumento qui

La capacità di assumere rischio finanziario e affrontare situazioni di incertezza. Il livello di tolleranza al rischio di ciascun individuo dipende tipicamente da molteplici fattori, quali la personalità e le inclinazioni individuali, lo specifico stato emotivo, il genere, il livello di cultura finanziaria.

Si riferisce alla minaccia del fallimento di un'istituzione finanziaria così grande da poter avere ripercussioni sul sistema e che non lascia alle autorità altra opzione all'utilizzo di risorse pubbliche al fine di evitare fenomeni di instabilità finanziaria.

U

L’usura è un reato che consiste nel prestare denaro con un interesse notevolmente superiore a quello normalmente praticato sul mercato.
Un tasso di interesse è considerato “usurario” se è superiore al cosiddetto tasso soglia. Il tasso soglia è, infatti, il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari (art. 644, comma 3 del codice penale, legge n. 108/1996, art. 2). I tassi soglia sono determinati da un automatismo stabilito dalla legge, a partire dai tassi medi di mercato rilevati trimestralmente dalla Banca d’Italia, e pubblicati con decreto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il decreto, a cadenza trimestrale, è pubblicato in Gazzetta ufficiale e sul sito istituzionale del Dipartimento del Tesoro; il decreto, inoltre, viene affisso in tutte le banche.
Sono comunque considerati usurari anche gli interessi che seppur inferiori al tasso soglia, risultano sproporzionati alla prestazione ricevuta ed al tasso di interesse normalmente praticato sul mercato e quando il debitore si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria (art. 644, comma 3 del codice penale).
È importante sapere che, secondo la legge, se gli interessi sono usurari, la clausola contrattuale che li prevede è nulla e quindi gli interessi non sono dovuti (art. 1815 del codice civile).

V

Valuta (o moneta) virtuale – Virtual Currency
La cosiddetta valuta o moneta virtuale è una forma di rappresentazione digitale di valore ideata e sviluppata da soggetti privati, in assenza di una specifica regolamentazione da parte di Autorità pubbliche, che si è diffusa come mezzo di pagamento o anche come forma di investimento nell’ambito di Internet.
Le cosiddette monete virtuali vengono acquistate, trasferite ed archiviate elettronicamente mediante sistemi di criptografia digitale (per questo sono anche dette cripto-valute).
Non esistono garanzie o controlli pubblici su tali valute; esse non sono regolamentate da nessuna Banca centrale (come avviene invece per le monete a corso legale), pertanto non rappresentano in alcun modo le valute dei diversi Paesi (euro, dollari, ecc.), né hanno nulla a che vedere con i pagamenti elettronici (mediante carte di credito, di debito, ecc.).
Le cosiddette valute virtuali, inoltre, non hanno corso legale e pertanto non devono essere obbligatoriamente accettate per l’estinzione delle obbligazioni pecuniarie né sono universalmente accettate come mezzo di pagamento. Esse, quindi, hanno un’elevata volatilità che può rendere molto rischioso detenere somme denominate in valuta virtuale, qualora s’intenda conservarle per un certo periodo di tempo e riconvertirle successivamente in moneta legale (ad esempio euro).
La Banca d’Italia ha pubblicato apposite avvertenze sulla cosiddetta valuta virtuale

.